Pubblicato il

L’ olio d’oliva ozonizzato per uso zootecnico e cosmetico

Recenti studi scientifici hanno dimostrato come l’ozono, pur essendo un gas altamente instabile (dopo il suo utilizzo infatti si decompone in ossigeno), possa essere ‘intrappolato’ all’interno degli oli vegetali.Questi sono composti trigliceridi in cui sono presenti acidi grassi saturi e insaturi, che hanno la capacità di trattenere l’ozono consentendo così di prolungarne l’utilizzo. Inoltre, maggiore è la quantità di grassi insaturi presenti, maggiore è la quantità di ozono che verrà trattenuto.

L’ olio di oliva ozonizzato è l’efficace risultato che nasce dall’incontro tra ozono e olio extra vergine di oliva, che ha composizione molto simile al sebo della pelle ed ha una grande affinità con lo strato lipidico.
L’ozono , nella sua forma stabile di ozonide, apporta numerosi effetti benefici come cedere ossigeno alla pelle stimolando il metabolismo cellulare e catturare i radicali liberi. In forma di olio ozonizzato è inoltre assolutamente naturale e, cosí ‘’bloccato’’, viene reso disponibile per applicazioni topiche.

La  procedura per la preparazione dell’olio ozonizzato di altissima qualità consiste nell’iniezione di ozono nell’olio di oliva che, grazie alla sua azione ossidante sulle catene lipide dell’olio di oliva stesso, ne riduce i trigliceridi dal 97% al 60%

L’olio di oliva ozonizzato, grazie alle proprietà antibatteriche, antivirali e antimicotiche degli ozonidi, ha una forte azione antalgica, riattiva la microcircolazione locale, aumenta la capacità di autodifesa delle cellule. Inoltre possiede una naturale azione emolliente,
Agisce sia per prevenire le infezioni che per accelerare il processo di guarigione, per esempio da ferite chirurgiche, ulcerazioni cutanee, fistole anali, piaghe da decubito.
L’ olio ozonizzato è, insomma, un trattamento naturale per le infezioni e le infiammazioni della pelle, ha anche finalità terapeutica senza alcun effetto collaterale